Siamo un’azienda agricola a gestione familiare nata nel 1966, quando nostro nonno acquistò la cascina Travaglina, un casolare isolato vecchio almeno 300 anni circondato da 7 ettari di vigneti, situato a 270 m.s.l.m. al centro dell’Oltrepò Pavese sulla prima fascia collinare. Ora gli ettari vitati sono 30,5, in un unico corpo intorno al cascinale fra i 200 ed i 300 m.s.l.m.; coltiviamo le uve tradizionali dell’Oltrepò Pavese: Croatina, Pinot Nero, Barbera, Riesling; seguiamo direttamente tutta la filiera produttiva dal vigneto alla bottiglia. Di seguito la nostra filosofia produttiva, basata sulla convinzione che un ottimo vino si produca soprattutto in vigna: partendo da uve di grande qualità, in cantina si deve ‘solo’ lavorare per preservare ciò che la natura ci ha generosamente donato. Qualità, territorialità, bevibilità, salubrità: sono le caratteristiche fondamentali che cerchiamo di migliorare vendemmia dopo vendemmia nei nostri vini: • Qualità: gestiamo direttamente i nostri vigneti, piantati con i vitigni più adatti al tipo di terreno ed alle esposizioni. Durante la nostra storia abbiamo imparato a conoscere cosa ci può dare ogni vigneto per vinificarne le uve nel miglior modo possibile. • Territorialità: la otteniamo proprio vinificando le uve dei nostri vigneti e gestendole in cantina con l’obiettivo di trasferire nel vino tutte le caratteristiche organolettiche derivanti dall’uva • Bevibilità: vogliamo che i nostri vini inducano il degustatore al secondo bicchiere, e questo si ottiene attraverso l’equilibrio nel vino, evitando gli eccessi, che sia abbondanza o carenza, di qualunque caratteristica organolettica • Salubrità: ultimo nell’elenco ma essenziale nella nostra filosofia di produzione, siamo estremamente attenti alla salubrità dei nostri vini; produciamo una Barbera senza aggiunta di solfiti, mentre i vini da vinificazione tradizionale hanno un contenuto di solfiti sempre inferiore al 50% della soglia legale. Da decenni coltiviamo i nostri vigneti secondo i principi dell’agricoltura integrata (attuale Misura 10), limitando i trattamenti con fitofarmaci al minimo indispensabile ed evitando l’utilizzo di erbicidi.